Inglese per bambini a casa! +20 IDEE! - Una Mamma Montessori
18001
post-template-default,single,single-post,postid-18001,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-theme-ver-17.2,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.6,vc_responsive
inglese-per-bambini

Inglese per bambini a casa! +20 IDEE!

Come portare l’inglese per bambini a casa! Vi illuminerò con più di 20 idee che sicuramente non avevate pensato! Ecco a voi tutte le opzioni!

 


 

Ci sono vari modi per invogliare nostri figli ad adottare nel loro cuoricino un pezzo di questa lingua straniera. Per alcuni l’inglese sarà stato una tortura, per me è sempre stato uno spasso. Quello che voglio per i miei figli non è tanto che imparino o memorizzino il lessico ma che la prendano come una cosa bella. Che lo sentano per strada e il loro cervello gli trasmetta delle connotazioni positive!

DOBBIAMO CONCENTRARCI AD INAFFIARE LA LORO PASSIONE PER L’INGLESE ED EVITARE CHE LO ODINO

Ovviamente se strada facendo imparano inglese divertendosi. Meglio no?

Ora vi racconto come ci organizziamo a casa per imparare nuove lingue.

 

Trilinguismo, la nostra situazione di partenza

 

Mia è una bambina QUASI trilingue.

Parla perfettamente italiano e catalano. Capisce e parla abbastanza bene (ma non perfetto) lo spagnolo. Quindi siamo di fronte ad una bambina bilingue (quasi “tri”) che ama imparare lingue straniere.

Davvero!

Ho scelto di parlarle in catalano perché a Barcellona ci sono due lingue (catalano e spagnolo), ma con i miei abbiamo sempre usato il catalano. Quindi sarebbe stato un peccato vederci e che lei non capisse loro. Alla fine ho pensato che lo spagnolo lo avrebbe imparato nei viaggi a Barcellona.

E così è stato!

Quando facevo l’educatrice lavoravo come maestra di riferimento in lingua inglese. Forse per questo a casa me la sono presa molto comoda e l’inglese non lo abbiamo praticamente toccato fino che non è arrivato da noi KOKORO.

trilinguismo

Poi vi racconto di cosa si tratta.

Tuttavia ho sempre assecondato la sua voglia di imparare lo spagnolo. Quindi se lei mi dice “mamma parla in spagnolo” mentre giochiamo o mi chiede i libri “nella lingua della Julia” (la sua cugina argentina), allora la assecondo.

Eh già, in questa famiglia ci spargiamo per il mondo. Eppure Barcellona è così bella XD

Comunque sia qualche volta mi sono inventata qualche giochino ma niente di veramente organizzato.

 

“Ma io non so parlare inglese (o altre lingue)”

 

E quindi? Si impara solo quello delle lingue?

Quando lavoravo a scuola una mamma mi aveva difeso dicendo “ormai l’inglese lo parlano persone di tutto il mondo, Naila avrà il suo accento e a me sta più che bene perché è un modo in più di parlarlo”.

Non siete nativi? Vi ripetete sempre “io non so l’inglese“?

Fa niente. È bello anche imparare insieme, investigare… magari potete prendere una App (o lo stesso Google) e imitare il suono delle parole che scrivete.

E il lessico? Ci sono milioni di libri  in inglese con disegni + parola. Milioni di video, di giochi, di attività… Basta cercare.

Ma soprattutto non dimenticate che ogni lingua è strettamente collegata alla cultura che la ospita. Quindi non fatevi sfuggire l’opportunità di scoprire nuovi mondi.

E per ultimo, ripeto. L’importante non è tanto quanto possa immagazzinare vostro figlio in testa. Tanto, in 2 mesi all’estero imparerà di più che in 20 anni studiando in Italia xD Ve lo confermo di prima mano.

Dicevo… quello che conta è che amino quella lingua straniera e che adorino impararla.

 

Inglese per bambini a casa. Cosa possiamo fare i genitori

 

Ci sono una marea di cose che possiamo fare per i nostri figli se vogliamo che si avvicinino alle lingue straniere. L‘inglese per bambini a casa dovrebbe essere qualcosa di divertente e naturale. Se diventa un compito o una forzatura per bambino o genitore, credo sia più produttivo lasciare stare e pensarci più avanti nella vita.

Meglio non saperlo che finire per odiare l’inglese. Male.

Detto ciò vi racconto alcuni giochini o attività che sono sorti, spesso in modo spontaneo, sia in spagnolo che in inglese. E che di sicuro potete fare voi a casa nella lingua straniera che preferite.

 

Kokoro lingue

 

Un programma per imparare inglese (e non solo) in cui sono gli stessi BAMBINI madrelingua inglese ad insegnare l’inglese a tuo figlio. BASTANO 9 MINUTI d’attenzione tra 3 e 5 giorni alla settimana per sfruttare al meglio l’offerta di Kokoro lingue. Inoltre il prezzo mi sembra abbastanza onesto se dobbiamo confrontare quanto può costare una tata oppure inscrivere il bambino in una accademia di lingue. Non richiede un grande impegno e da grandi risultati. Molto comodo.

Noi lo stiamo usando da un mese. Potete leggere qua la nostra recensione su Kokoro lingua.

 

kokoro-listen

 

Babysitter madrelingua inglese!

 

Potete cercare una babysitter madrelingua inglese e farla venire a casa a giocare con vostro figlio qualche ora un paio di giorni alla settimana. Magicamente qualcuno ci ha già pensato e ha ideato un sito dove cercare delle Tate bilingui o dei Tutor bilingui.

 

Role playing alla Hocus e Lotus

 

Uno dei giochi che più amano i bambini, e di conseguenza uno dei più utili per imparare lingue straniere. Ricordo che quando lavoravo in uno dei nidi Happy Child avevo fatto la formazione per portare a termine il metodo Hocus e Lotus in cui i bambini imitano le storie mimate della maestra (tra altre attività).

Ora non starò a raccontarvi dei neuroni specchio o dell’importanza di imparare in modo attivo. Ma insomma, se facciamo una cosa simile a casa di sicuro otterremo qualche frutto.

Come fare?

Potete mimare una canzone, una filastrocca in inglese e proporre a vostro figlio di ripetere ogni frase insieme ai gesti e le voci. Es. “io farò il papà e tu il bebé” e ognuno ripete la filastrocca con l’intonazione adeguata.

Altrimenti potete preparare a sorpresa una postazione. Per esempio un fruttivendolo con della frutta vera e i prezzi. Potete dire che siete a Londra e che voi farete finta di essere il commesso che parla inglese. Anche se vostro figlio vi risponde in italiano potete offrire le mele o parlare degli euro che costano con delle frasi semplici in inglese.

 

Libri in inglese per bambini

 

E qua si apre un mondo! xD

Se non sapere da dove iniziare vi consiglio l’editoriale USBORNE. Vendono spesso libri anche in offerta attraverso dei collaboratori (che prendono una percentuale della vendita. Instagram è pieno. Es.Federica’s books corner  Chiarettaorganizer. Basta che cerchiate “usborne organizer”. Potete guardarvi: Big book of english words

libri-inglese-bambini

Vi consiglio anche il blog di Mamma Bilingue e soprattutto la sua Guida Gratuita. Fatta veramente bene ^^ Letta tutta. Capirete come impostare il vostro approccio per avvicinare l’inglese per bambini a casa in base al vostro livello e tempo a disposizione.

 

Radio in inglese per bambini

 

Vi consiglio Little Rockers Radio Kids – Scaricate la App GRATIS e potrete godere di tutte le loro proposte: storie, canzoni in varie lingua, yoga in inglese, giochi… è veramente bellissima!

C’è anche Keys for Kids, musica in inglese, ma anche storie, poadcast… un po’ di tutto e Fun Kids, una altra radio, magari per bambini più grandi.

 

Giocare con nativi inglesi

 

L’opzione difficile è quella di cercare degli amici nativi e invitarli a casa. Un po’ più complicato, ma se ce la fate raggiungerete il super obiettivo dell’immersione linguistica!

L’ideale sarebbe che vostro figlio giocasse con bambini inglesi. Quindi, potete sempre cercare nei gruppi Facebook di inglesi che vivono in Italia se qualcuno ha dei bambini disponibili per un incontro. Per esempio Expats in Italy.

 

Poadcast per bambini in inglese

 

Ce ne sono vari che offrono contenuto in vari livelli d’inglese, dai più piccini ai più grandi:

 

  • Circle round – storie da ascoltare per bambini tra 4 e 10 anni.
  • Rebel girls – un inglese molto chiaro. Si tratta di racconti che riguardano grandi donne. Di fatti sono dei poadcast basati nei famosissimi libri Buonanotte bambine ribelli.
  • Brains on! – un poadcast per bambini che riguarda la scienza. È molto bello questo, fatto proprio bene.
  • Earn snacks – un poadcast organizzato da una famiglia. Sentirete bambini e genitori raccontare delle storie, spiegare delle ricette, cantare delle canzoni… Un esempio: La mistery recipe
  • Story pirates – racconti fatti apposta per bambini con effetti speciali.
  • What if world – storie inventate ogni settimana in base alle richieste dei bambini.

 

Video Youtube in inglese

 

Non credo che dobbiamo demonizzare Youtube. Ma usarlo con la testa. Nel nostro caso su Youtube Kids ho impostato tutti i video che può vedere Mia. Quindi in realtà sceglie tra i 20 canali che ho selezionato per lei. Tra i quali ci sono canzoni in inglese, spagnolo, documentali e dei video educativi.

In questo modo lei può gestire in modo autonomo il suo tempo di TV. Finito quello, si spegne. Il contenuto è totalmente sotto il “parent control” o mami control XD (ho impostato lo stesso account anche sui cellulari di nonni e zii… guardate quanto sono malefica!).

 

Alcuni simpatici sono:

 

  • Mr. Tumble and friends – geniale davvero, chiaro, usa molti gesti e molto divertente per bambini di tutte le età secondo me.
  • Cocomelon – un must per i bambini 0 – 6 anni. Canzoni con lessico molto semplice e ripetitivo.
  • Patty Shukla – questa piace a me, a Mia non tanto. Ma trovo le canzoni molto educative e carine XD
  • Pocoyo – esiste in varie lingue. Cercate “Pocoyo english” ed ecco qua un cartone più che educativo che con poche parole tratta sempre un argomento diverso ad ogni puntata. Anche questo non fa impazzire Mia ma io ve lo raccomando tanto! Provate, ogni bambino è a se.
  • Babyfirst – pupazzi di stoffa veri ai quali gli si da voce e chiaccherano in inglese.
  • Toodler fun learning – piccole storie semplici.

 

Tradizioni inglesi

 

Ci sono delle tradizioni inglesi (ma non solo) che trovo bellissime da adottare. In questo modo si avvicina i bambini sia ad una cultura diversa che a tutte le parole in inglese che girano intorno a questa.

Trovo geniale il Thanks Giving, ma potete cercare anche tradizioni di altri paesi (e altre lingue) come la Jolabokaflod danese in cui va regalata una valanga di libri.

 

Organizzare un viaggio insieme

 

Il fatto di pensare la destinazione informandosi sul cosa fare, cosa vedere, guardare delle guide in cui ci sono nomi e strade in una lingua straniera… anche questo avvicina i bambini all’inglese!

Ricordatevi sempre che vogliate fare qualcosa di chiedervi “posso farlo con mio figlio?” “Il fatto di farlo insieme (per quanto faticoso) gli può portare qualcosa di positivo?”

Fatto é meglio che perfetto.

Soprattutto quando si parla di bambini. Il procedimento è quello che conta, non il risultato. Lui sentirà che lo tenete in conto, che è importante per voi e probabilmente prenderà con voglia sia il compito che la lingua straniera 🙂

londra-mappa

Insegnare ai fratelli inglese “insegnando imparerai”

 

Se hanno fratelli potete proporgli di pensare qualche attività divertente per aiutare i piccoli ad imparare questa lingua. I grandi si sentono responsabili e i piccoli si divertono.

“Insegnare” ci aiuta veramente tanto a consolidare dei concetti perché la nostra mente deve pensare come strutturarli per poter comunicarli a l’altro.

 

Metodo Doman

 

Avevo provato questo metodo quando Mia era piccolina. Si tratta di far vedere dei bit d’intelligenza (delle flaschcards molto più grandi) di matematica (puntini), linguaggio (foto con sfondo bianco), parole (rosso si bianco) ecc durante 1 secondo mentre pronunciamo il nome di quello che facciamo vedere.

L’obiettivo non è che il bambino memorizzi quei elementi, ma stimolare i neuroni e le loro connessione. Comunque spesso di rimbalzo i bambini imparano nuove parole.

È un metodo un po’ criticato. Ma come dice lui, è utile solo se il bambino lo fa motivato, altrimenti meglio lasciare stare.

metodo-doman

Non so quanto possa essere pro-Montessori o meno. Sinceramente allora non conoscevo nemmeno la dottoressa. Ma posso dire che le poche volte che l’ho portato a termine Mia è sempre stata molto ricettiva e ancora ora, quando trova le flashcards che avevo preparato mi chiede di fargliele vedere “alla Doman”.

Io avevo comprato il suo libro Come moltiplicare l’intellingenza del vostro bebé (Glenn Doman) e avevo fatto le flasch cards fai da te.

Potete SCARICARE I BIT D’INTELLIGENZA di Doman e usarli anche in un altro modo ^^

 

Lezione dei 3 tempi Montessori

 

Serve per chiarire e fissare certi concetti. Anche per correggere la pronuncia. Ve ne parlavo su uno dei miei post Lezione dei 3 tempi Montessori a casa.

 

Audiolibri per bambini in inglese

 

Oltre i poadcast, che sono solo audio, potete trovare audiolibri che vengono accompagnati, appunto, dal libro in inglese con illustrazioni che permettono al bambino di seguire più facilmente la storia.

Sia online che nelle librerie potrete trovare di sicuro audiolibri in inglese per bambini. Alcuni sono:

 

 

Talking pen di Kids and Us

 

Si tratta di una penna che legge i libri creati di Kids and us con una pronuncia in inglese perfetta. Questo da una grande autonomia al bambino che può ascoltare ogni pagina al suo ritmo e guadare le illustrazioni che lo aiutano a capire meglio la storia.

Qua troverete tutte le informazioni sul talking pen.

 

Giochi da tavola in inglese

 

Potete usare i soliti giochi da tavola e tradurli. Per esempio twister, Pictionary (preparando delle carte in inglese), oppure UNO  giocando in inglese (numeri e colori) e Dobble

.

Altrimenti ci sono dei giochi da tavola per imparare inglese:

 

 

giochi-da-tavola-in-inglese

Apps per bambini per imparare inglese

 

Ce ne sono una marea! Per esempio quelle del British Council altrimenti potete scegliere una tra le centinaia che ci sono: Study cat o Lingokids. Potete trovare un bel elenco sul blog Mi diverto imparando.

 

Canzoni in inglese per bambini

 

Non potevano mancare nell’elenco!!!! Potete ascoltarle e imparare i gesti su Youtube per poi riprodurle voi stessi. Senza schermi meglio! Se il bambino si muove e interagisce impara di più. Quindi applicatevi!

Quelle che piacevano di più quando facevo la maestra erano:

 

 

 

Momenti di routine in inglese

 

Un paio di sere alla settimana si può proporre la cena in lingua straniera. Magari anche cucinando qualcosa di questa cultura. oppure lavare i denti, FARE LA DOCCIA IN INGLESE. Basterà mettere un simbolo sul bagno che indichi che quel giorno si parlerà e giocherà in inglese.

Noi, senza pensarci, in modo totalmente improvvisato, lo abbiamo fatto più di una volta durante il bagnetto. Mia mi chiedeva di parlare in spagnolo mentre giocavamo con i pupazzi e ovviamente non potevo dire di no.

 

Ragazza alla pari

 

Cercare una ragazza alla pari madrelingua inglese può essere una grande opportunità, e non solo per i piccoli.

Come trovare una ragazza alla pari madrelingua inglese? Potete leggere alcuni consigli su come prendere una ragazza alla pari oppure cercare direttamente una au pair su AuPair.com

 

Teatro in inglese

 

Potete preparare un piccolo show casalingo con un paio di calzini vecchi o dei pupazzetti che parlino in inglese. Vi basterà trovare una storia semplice. Per esempio, i tre porcellini, che ormai conosceranno già e che è facile da capire con i gesti. Questo è un modo molto ameno per introdurre l’inglese per bambini.

 

Il cappello del inglese

 

Potete lasciare a portata di bambino un cappello che quando verrà indossato farà parlare in inglese a quella persona. Non dimenticate di personalizzare il cappello con vostro figlio!

 

Che vi senta parlare o cantare in inglese (anche inventato va bene)

 

Se vogliamo che nostro figlio impari e ami una lingua straniera, allora dobbiamo trasmettergli la nostra passione per questa. L’esempio trascina ^^

Nel nostro caso siamo fortunati. Mia sente il papà parlare in inglese con quelli del lavoro e a me lo spagnolo sia con le mie amiche che con la sua cuginetta argentina. Inoltre ho una amica che abita in Inghilterra con il suo compagno inglese. Anche in quel caso mi vede parlare in una altra lingua ancora. Per Mia le lingue sono qualcosa di molto naturale.

E anche se in questo modo non partecipa direttamente, si tratta di qualcosa che fa parte del suo ambiente, e come diceva Montessori a questa età assorbono tutto quello che gli circonda.

Per adesso non mi vengono in mente altre idee, ma di sicuro ce ne sono tante, quindi non esitate a scrivermi 🙂 Vi aspetto in tanti!

 

Potete leggere anche:

Comprare materiali Montessori o fai-da-te?

Educazione stradale. Attività da fare a casa

Tessere ad alto contrasto – Farle, usarle e file scaricabile!

Se vuoi crescere BAMBINI LIBERI e autonomi, iscriviti alla Newsletter di Una Mamma Montessori!

MINI-EBOOK “VIRUS E BATTERI” con l’iscrizione alla Newsletter!

Subscribe

* indicates required
attivita-virus-batteri
Tags:
No Comments

Post A Comment